Passa ai contenuti principali

Il senso della famiglia e la cura dei propri affetti

Oggi mi sento di ringraziare.

Sento da giorni commenti e giudizi angoscianti su altrettanto aberranti e terrificanti dimenticanze.
Seggiolini parlanti, borse posizionate in luoghi strategici, nuovi decreti leggi..(libera nos a malo) 

- resto basita..una borsa per non dimenticare tuo figlio? Una legge? Un sensore...

Vado alla mia vita e ripercorro la memoria degli ultimi anni. 

Adesso i miei figli hanno 5 anni (e 1/2 come sottolinea lui orgogliosamente) e 4 anni (a settembre) lei, quindi è ormai impossibile dimenticarli perché mi prenderebbero a ceffoni e possibilmente andrebbero alla prima stazione dei carabinieri per denunciarmi..
E mi chiedo ma com'è possibile, cavolo!
E l'unica parola che mi viene in mente è
CURA.
Io non mi sento di dire nulla. Solo di ringraziare la mia famiglia, tutta, anche quella acquisita con sorelle, fratelli, zii e cugini annessi. I miei amici, tutti. Ogni qualvolta ci sono stati, quando puntualmente raccontavo loro uno strano episodio di "distrazione" oppure sbadataggine. 
Lo vedevamo tutti strano e ne ridevamo perché io non sono mai stata così "distratta" e sbadata, prima di essere mamma, per due volte di seguito e prima di dover gestire questo meraviglioso e misterioso ruolo insieme alla mia delicatissima professione.
Prima di questa meravigliosa fase della mia vita, mi dedicavo allo studio, alla professione ed agli hobby...
- Non distruggevo macchine (per la gioia dei carrozzieri).
-Non dimenticavo chiavi in casa, costringendo mio padre a chiamare i pompieri o mio marito a salti e voli pindarici dall'appartamento della (adorabile) vicina di casa.
- Non infilavo in lavatrice, tra i bianchi, un golfino rosso di mio figlio che, non solo rendeva tutto rosa shocking, ma diventava un golfino per Ciccio Bello di mia figlia.
- Non dimenticavo per giorni di chiamare a casa.
- rispondevo al 90% alle telefonate di amici e familiari. Non buttavo il cellulare sotto qualche cuscino perché il suo suono o vibrazione mi dava i nervi.
- non spiaccicavo un giorno si ed uno no il mio iPhone nuovo di zecca a terra pensando poi di fare causa alla Apple perché "questi vetri non sono all'altezza delle qualità promesse".

E quando i miei parenti ed amici si raccontavano queste cose e mi chiedevano il perché, alle volte anche preoccupandosi un po' del mio stato di sovraccarico mentale, mi vergognavo e certe volte mi offendevo.
Lesa maestà! "Che pensano questi. Io faccio tutto e tutto bene. ECCO."
Poi però ringraziavo perché c'erano ed erano attenti a tutti quei segni ed anche perché non ero sola.
Si sono presi cura di me.
E quindi questo mi sento di dire a tutti coloro che hanno
come figlia/o, sorella/fratello, amica/amico oppure moglie/marito o ex (non conta che sia ex sempre madre o padre dei tuoi figli è SVEGLIA),
una "wonder woman" o un "super man". 

Prendetevi cura di loro con un gesto, uno sguardo, una risata, una battuta, un rimprovero, una telefonata, messaggio, WhatsApp, messanger...
E a loro, agli eroi, dico parlate con qualcuno delle vostre dimenticanze, quelle più strane quelle più vergognose ed anche inconfessabili...concedete a qualcuno di ridere con voi dei vostri strafalcioni..
Prendiamoci cura l'uno dell'altro..

SEGUIMI QUI  AL MIO SITO


Su twitter o instagram cerca Laura Pizzo


Commenti

Post popolari in questo blog

Lehman Brothers. Quando fare causa ? Conviene farla ?

Direi che dipende!
[ Perché ci sono ]
Novità in merito:
 - alla prevedibilità del default Lehman Brothers
-ed in relazione agli obblighi informativi (legali e contrattuali) gravanti sugli intermediari finanziari 
Facciamo l'esempio di una investitrice che ha acquistato titoli Lehman Brothers nel corso del 2007, facendo affidamento sull’alto rating vantato dalla società emittente ed anche sulla solidità nota al mercato. 
Supponiamo anche che la banca intermediaria aderiva al “Consorzio Patti Chiari” e quindi aveva obblighi informativi ulteriori rispetto a quelli imposti dalla disciplina finanziaria.
Ecco che nel 2008 avviene il default Lehman.
L'investitrice cita in giudizio la banca, lamentando la violazione degli obblighi informativi sulla stessa gravanti e chiedendo, anche, il risarcimento dei danni patiti. Nello specifico gli acquisti erano stati effettuati nell’ambito di un rapporto di negoziazione, ricezione e trasmissione titoli.  Quindi non ricorreva la diversa ipotesi di gestion…

A chi spetta il rimborso per Sisma '90 ?

Ad aprile ho pubblicato un post intitolato "il grande bluff" (Articolo) dove spiegavo i miei dubbi sulla concreta operatività della legge di stabilità in merito alla restituzione del 90% delle imposte, pagate per il triennio 90-92, dai contribuenti/dipendenti delle province colpite dal terremoto del 13 dicembre 1990, cioè Ragusa, Siracusa e Catania.
Ricordate? Ad ogni modo lo riposto. I dubbi non solo erano fondati ma erano anche pochi. Nel senso che i dubbi su concentravano solo sui criteri di assegnazione somme e sull'esiguità  dello stanziamento, non di certo sulla sostanza della norma e cioè sul fatto che quei rimborsi spettassero ai contribuenti/dipendenti. Davo per scontato che la norma fosse stata introdotta per riequilibrare le posizioni fra liberi professionisti e dipendenti nel rispetto degli orientamenti giurisprudenziali di grado superiore. Invece no. Ho cominciato a nutrire seri sospetti sull'effettiva volontà ministeriale di definire bonariamente la fac…

Chi vuole sapere chi ha vinto i ricorsi in Cassazione per la questione Sisma 90?

E finalmente abbiamo la prima sentenza della Cassazione sulla questione sisma 90 (vai al primo articolo)(e qui trovi il secondo)

In data 14 luglio 2016 è stata pubblicata la sentenza in cui i giudici hanno definitivamente bocciato le tesi sostenute dall'Agenzia delle Entrate e disposto il rimborso del 90% delle somme versate a titolo di IRPEF per gli anni 1990, 1991 e 1992.

Personalmente sono molto soddisfatta del risultato ottenuto perché la sentenza, nel rigettare la tesi dell'Agenzia delle Entrate, fa chiarezza su un punto che ultimamente era abbastanza controverso ed ha creato disagi anche ad alti livelli a causa dei dubbi interpretativi posti dalla recente legge 190/2014 art 1 comma 665.

La questione l'ho già trattata nei post riportati sopra (in particolare nel secondo) e sostanzialmente era questa.

L'Agenzia delle entrate fra i motivi di ricorso ne enuncia uno nuovo rispetto ai precedenti gradi di giudizio sostenendo che il ricorrente/ex lavoratore non avrebbe t…